L’IMPORTANZA DELLA CONVALESCENZA – LE 3 REGOLE D’ORO

L’IMPORTANZA DELLA CONVALESCENZA – LE 3 REGOLE D’ORO

Telefoni che squillano, notifiche di e-mail, riunioni, scadenze da rispettare: la quotidianità è oggi sempre più frenetica. Pensare di assentarsi dal lavoro per un periodo, anche se breve, sembra un’eventualità da evitare accuratamente. Eppure, complici i viaggi quotidiani sui mezzi pubblici, può succedere l’“irreparabile”: prendiamo l’influenza! (soprattutto se non abbiamo seguito bene i consigli di questo blog!).

Quindi, se quest’anno ci ritroviamo ad essere tra gli italiani vittime dell’influenza, facciamocene una ragione! Facciamo un respiro profondo e impariamo a prenderci i nostri tempi. Per guarire meglio e prima, infatti, c’è un aspetto che non va assolutamente trascurato: la convalescenza.

La convalescenza è quel momento di transizione che va dalla fine della fase acuta di una malattia alla guarigione completa vera e propria. Insomma, quel periodo in cui stiamo meglio, ma non abbiamo ancora recuperato del tutto un pieno benessere. E questo vale anche per l’influenza. Non esiste una durata prestabilita per la convalescenza: è una necessità soggettiva e dipende molto dalla condizione di partenza del nostro organismo. In genere, quanto più si era debilitati al momento del contagio tanto più lungo sarà il tempo fisiologico di recupero.

L’IMPORTANZA-DELLA-CONVALESCENZA - riposo

Cosa possiamo fare quindi per recuperare appieno le forze e tornare in forma? Ecco le 3 regole d’oro:

1. Riposo 

Non è una medicina, ma una terapia insostituibile. Rilassarsi e non fare attività pesanti o faticose aiutano il nostro organismo e il nostro sistema immunitario a recuperare più in fretta le forze

2. Alimentazione 

La dieta della convalescenza deve essere bilanciata. Particolarmente importanti in questa fase sono le  proteine nobili, le vitamine e i sali minerali, di cui sono ricche frutta e verdure fresche di stagione.

In questa fase l’organismo ha bisogno di reintegrare i liquidi che possono essere stati persi durante la fase acuta della malattia. Allora bere fra un litro e mezzo e due litri d’acqua al giorno è la seconda regola preziosa

3. Non avere fretta 

Ascolta il tuo corpo e fatti guidare da lui. Il decorso classico dell’influenza, infatti, si compie di solito nell’arco di una settimana. Tutto sommato un tempo ragionevole per non avere fretta. E ricordiamoci: è meglio un giorno in più a casa che un giorno in meno rischiando di incorrere in spiacevoli ricadute. Se ti stai riprendendo troppo lentamente, chiedi aiuto al tuo medico o al tuo farmacista di fiducia che saprà indicarti il consiglio naturale più adatto per tornare in forma.

L’attuazione di questi accorgimenti permette una ripresa efficiente e una guarigione effettiva, cosa che contribuisce a evitare la diffusione del virus nella collettività.



Facebooktwitterlinkedinmail