GLI ALIMENTI CHE AIUTANO L’ORGANISMO AD AFFRONTARE L’INVERNO

GLI ALIMENTI CHE AIUTANO L’ORGANISMO AD AFFRONTARE L’INVERNO

Con l’approssimarsi della stagione invernale, quando virus influenzali e parainfluenzali sono particolarmente aggressivi nei nostri confronti, è importante rafforzare il nostro sistema immunitario con un’alimentazione sana e mirata. Sono diversi gli alimenti che forniscono apporti nutritivi indispensabili per il  nostro organismo e con un po’ di fantasia, e un’attenzione in più al metodo di cottura, è possibile preparare pietanze leggere, ma allo stesso tempo gustose e ricche di tutte quelle sostanze, come le vitamine e i sali minerali, che aiutano a depurarsi e a difendersi dai malesseri stagionali.

Esistono alimenti ‘antinfluenzali’?

Per una corretta efficienza del nostro sistema immunitario è particolarmente importante l’assunzione di frutta, verdura, cereali, legumi e pesce azzurro. Vediamo nello specifico quali sono questi cibi  e come cucinarli in modo sano e gustoso.

Frutta e verdura

L’efficacia nutrizionale degli alimenti di origine vegetale deriva dal fatto che sono ricchi di vitamine e minerali di cui è nota l’azione antiossidante dei diversi componenti.

Tra i frutti, quelli che dovrebbero essere consumati in quantità maggiori sono i kiwi e gli agrumi (arance, mandarini, etc.) perché contengono al loro interno un’alta percentuale di vitamina C (fino all’85%). Seguono, come ottimi alleati, mele, lamponi, ribes, ananas e mirtilli. Anche se la frutta è già ottima e gustosa mangiata al naturale, per renderla ancora più appetitosa e fare il pieno di vitamine può essere consumata sotto forma di macedonia, spremute, centrifughe o aggiunta a pezzettoni nello yogurt bianco.

GLI ALIMENTI CHE AIUTANO L’ORGANISMO AD AFFRONTARE L’INVERNO - OlioL’aglio e la cipolla sono ricchi di sostanze antibatteriche. Per chi non ama questi due tipi di alimenti sarà sufficiente aggiungerne piccole quantità nei piatti. L’aglio ad esempio può essere aggiunto nel sugo per condire la pasta o strofinato leggermente sul pane bruschettato, per apprezzarne i benefici. Per chi invece ama i sapori forti e decisi, allora non c’è niente di meglio di una zuppa o confettura di cipolle per accompagnare formaggi sia freschi che a lunga e media stagionatura o di un piatto di spaghetti aglio, olio e peperoncino.

Ovviamente tutte le verdure non possono mancare all’interno di un’alimentazione antinfluenzale, specialmente carote, spinaci, zucca e barbabietole, principali fonti di carotenoidi, e ancora cavolo, broccoli e cavolfiori ricchi di vitamina C e di sostanze che svolgono un’azione antinfiammatoria, come ad esempio l’olio extra vergine di oliva, il riso integrale, la curcuma o il ribes nero . Le ricette per gustare questi preziosi alimenti sono davvero tante: si va dalle verdure crude in pinzimonio alla ratatouille, dalle verdure in umido a quelle grigliate o cotte in forno. Insomma, basta far viaggiare un po’ la fantasia e sarà facile preparare piatti pieni di colore e…benessere!

Cereali e legumi

I legumi e i cereali sono ottime fonti di proteine e minerali. Nel periodo invernale sono perfetti per essere consumati in zuppe miste. Inoltre i cereali possono essere consumati anche in gustose insalate, abbinate ad altri alimenti.

Carne e pesce

Il pesce e la carne forniscono al nostro organismo elementi come proteine, zinco e rame utili per rafforzare la risposta immunitaria dell’organismo. A differenza dei cibi elencati fino ad ora che possono essere consumati giornalmente, quelli di origine animale sono alimenti che devono essere mangiati con moderazione. Le cotture da preferire sono quelle a vapore, al cartoccio o ai ferri.

Spezie e condimenti

Per quanto riguarda il condimento da utilizzare nella preparazione dei vostri piatti, dove possibile è da preferire quello a crudo, un filo di olio extra vergine di oliva è l’ideale in quanto è ricco di  acidi grassi monoinsaturi, che aiutano a regolare i livelli di colesterolo e vitamine (A ed E). Il sale è da usare con moderazione (un uso eccessivo è alla base di un iper lavoro da parte dei reni, ma anche di ritenzione idrica e problemi di presisone) e può essere sostituito da spezie come ad esempio salvia, timo, maggiorana, rosmarino che rappresentano ottimi insaporitori senza tuttavia appesantire la pietanza.

 



facebooktwitterlinkedinmail